EN
IT
Lifestyle
21 Gennaio 2015
A tu per tu con Alex Mitchumm
Cosa sarebbe una fetta di torta senza una spolverata di zucchero a velo? E un cielo azzurro senza la scia bianca di un aereo? Forse sarebbe come "un caldissimo maglione di lana shetland" senza "una toppa in pelle in stile bitish". Solo dettagli? Noi non riusciamo a vederli così e abbiamo trovato in Alex Mitchumm, Creative Director di Mitchumm, un giovane talento della moda che la pensa come noi. Ecco la sua intervista a DDmag:

È arrivato il freddo pungente: quali sono gli accessori maschili che preferisci?

Adoro l'inverno perché ci possiamo coprire di più, utilizzare molti accessori e soprattutto i maglioni! Direi che un capo irrinunciabile per questa stagione è un caldissimo maglione di lana shetland, girocollo e magari con una toppa in pelle per renderlo più "british". 


Cosa indossi oggi?

Un paio di jeans in denim giapponese, bretelle in seta blu con dei teschietti in jaquard bianco attaccate con passante in pelle a bottone (non con le clips!), camicia a righe medie bianco e blu, gilet doppio petto in knickerbocker oliva e bottoni in legno, calze fini con disegni norvegesi, e per finire una scarpa modello brogue testa di moro con disegno a coda di rondine.


Nel guardaroba dell'uomo Mitchumm non può mancare:

- accessorio: bretelle e papillon 
- tessuto: per la stagione invernale sicuramente un bel pantalone lavorato in lana, tartan, jaquard ma non tinta unita
- capo: maglione shetland e un bel capospalla morbido e destrutturato 
- altro: credo che il gilet sia un must-have, rende tutto più ricco.


Ci sono dei luoghi, delle situazioni, delle persone, delle musiche che attirano la tua attenzione e la trasformano in nuove ispirazioni stilistiche?

Non esattamente; mi lascio contaminare da tutto ciò che mi circonda, l'aria fresca delle prime ore del mattino, i colori della natura nelle varie stagione che regalano una palette fantastica, una donna in bicicletta... Direi che sono più attimi ed emozioni che qualcosa di specifico. Per il resto, credo che i sogni aiutino molto. 


Qual è la storia del tuo brand e dove è diretto nel futuro?

La storia è davvero lunga, non basterebbe un tè delle 5 in perfetto stile inglese per raccontarla tutta, ma la posso descrivere in alcune parole chiave: Los Angeles, California, 1976, surf, sport, serenità, irriverenza, sorriso, Italia, Como, lago di Como, tessuti lavorati, ricerca continua, passione e amore.
Per quanto riguarda la vision del brand direi che si sogna sempre in grande, sarebbe bello poter aprire altri store monomarca nel mondo con lo stesso format del flagship di Como che sta riscuotendo un buon successo. 

mitchumm.com


Grazie Alex, è stato un vero piacere conoscerti. Non vediamo l'ora di toccare con mano le tue prossime creazioni!

DD
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Quale modello preferite? Io sono un'affezionatissima delle ballerine, ma anche gli altri modelli sono molto comodi, perfino quello con il tacco! Il glitter forse può spaventare un po', ma va portato con leggerezza e con un po' di magia... Un grazie...
Design
Design
Monogram, custom made: questo weekend vogliamo ispirarvi con lo stile della personalizzazione.Sia aziende importanti che piccole realtà, in questi ultimi anni si sono lanciate nella produzione custom made per aprire un mercato ormai saturo di prodotti sempre più simili tra loro. L'obbiettivo...
Kids
Kids
Cari genitori,  vi ricordate quando "i grandi" ci proponevano uan giornata al museo? La migliore delle nostre reazioni poteva essere la completa apatia: per noi il museo era un luogo chiuso, dove camminare molto ma guai a correre, e di cui...