EN
IT
Lifestyle
16 Giugno 2017
Rimini e il suo Grand Hotel
L'estate è già qui, e noi non vogliamo farvi dimenticare un luogo di vacanza d'altri tempi: Rimini e il suo Grand Hotel. Venite con me...

Cento anni compiuti nel 2008 di storia, fascino, stile ed eleganza.
Un edificio in stile Liberty opera di un architetto uruguayo, Paolo Somazzi.
Un luogo in grado di resistere allo scorrere del tempo, fin dalla sua inaugurazione nel luglio del 1908 era considerato l'attrazione più importante del medirerraneo e nemmeno un incendio nel 1920 e i bombardamenti della seconda guerra mondiale ne hanno oscurato la fama.
I frequenti restauri l'hanno anzi reso ancor più bello.
Dal 1994 è stato dichiarato monumento nazionale.
Importanti artisti e registi ne intuirono l'atmosfera di magia che si respirava.
Federico Fellini, il riminese per antonomasia, ha amato il Grand Hotel fin da bambino, tanto da immortalarlo in numerosi suoi film, in particolare in "Amarcord " la cui struttura fece da scenario in molti momenti indimenticabili.
Ancora oggi le camere ne conservano gli arredi: i parquet francesi e i lampadari veneziani del XVIII secolo.
Da più di cento anni il Grand Hotel di Rimini è simbolo di un arte di vivere tutta italiana fatta di spirito, cultura, bellezza, ma anche buon cibo e danze fino a tarda notte.

Vi abbiamo fatto sognare?

Lorenza per Ddmag
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Questo magazine ci ha dato la grandissima opportunità di conoscere, contattare, intervistare e innamorarci di persone davvero belle che con il loro talento sanno ispirarci sempre. L'ultima scoperta è Carlotta di A Little Mushroom che si descrive così: Romantica, determinata, curiosa,...
Lifestyle
Lifestyle
Inizia con oggi la collaborazione tra DDmag e Martina de Il mio angolo alchemico, blog che consiglia come preparare cosmetici e rimedi naturali con passaggi semplici e rigorosamente hand-made. Ma lasciamo la parola alla bellissima Martina Rodini: Raccontaci un po' di...
Food
Food
La nostra tavola parla tantissime lingue: giapponese, inglese, francesce, spagnolo, cinese, arabo... Spezie, frutta, tradizioni e sapori si mescolano in un crocevia di culture che mai come ora si conoscono e si scambaino saperi. È la meraviglia di una globalizzazione...