EN
IT
Lifestyle
04 Dicembre 2012
La nuova 500 L è come un Valpolicella Ripasso.
La nuova 500 L? “È come un Valpolicella Ripasso. Un vino Morbido, strutturato e in grado di imprimere un senso di sicurezza”. Sono le parole di Michele Zonin, 35enne vicepresidente dell’omonima casa vitivinicola che ha provato l’ultima nata in casa Fiat. Messa a disposizione dal gruppo Fergia, la 500 di colore rosso come il vino citato lo ha accompagnato per un giro cittadino, facendosi apprezzare fin dalle prime cambiate. “Una macchina alta e quindi sicura. La sensazione infatti è quella di dominare la strada, e per chi fa molti chilometri si tratta di una caratteristica importante”. Il più giovane dei tre rampolli Zonin è infatti un manager super impegnato e sempre in movimento, nella vita professionale come nel tempo libero. Appassionato di tennis, sci e running, è riuscito a trovare il tempo per lanciare la sua start up medicale My-doc ed ottenere buoni risultati, in Italia e all’estero. Una persona concreta che apprezza le cose belle e funzionali, che possano magari facilitare quei piccoli gesti del guidare quotidiano. Come la funzione city dello sterzo, in grado di rendere leggerissimo il volante. “Uno sterzo comodissimo. Preciso, ma premendo un bottone può diventare leggerissimo, al punto da rendere semplicissima qualsiasi manovra di parcheggio”. Un’auto adattissima quindi anche ad un giovane che la deve caricare di tutta la sua attrezzatura sportiva, come ad un professionista impegnato in un viaggio di lavoro.

p.s. Un grazie a Filippo Cecconi per le foto.

DD

Ti potrebbero interessare anche...
Design
Design
Se siete alla ricerca di idee originali per i regali di Natale questo post fa per voi. L'architetto Piera Morseletto ci ha preparato una gallery di oggetti insoliti: la sfogliate insieme a me?
Lifestyle
Lifestyle
Mancano due settimane al Natale, ma noi vi consigliamo con tutto il cuore di aspettare ancora un po’ per fare e farvi i regali: il 19 e 20 dicembre si terrà infatti a Schio la terza edizione di OPUS, la...
Kids
Kids
C’era una volta un bambino che non sopportava quel preciso momento della mattina, poco prima di andare a scuola, in cui la mamma dall’altra stanza diceva: “Hai messo i calzini?”. A lui non piaceva mettere qualcosa tra i piedi e...