EN
IT
Design
13 Maggio 2013
Soprana: omaggio alla Basilica
La Basilica Palladiana è per noi vicentini un po' come una "morosa": anche se la vediamo più volte al giorno, non riusciamo mai a toglierle gli occhi di dosso. Per una famiglia in particolare, l'elegante opera di Andrea Palladio rappresenta storia, tradizione, ma anche innovazione di un'arte che si tramanda da quattro generazioni: la famiglia Soprana, che sotto le logge della Basilica lavora e propone capolavori orafi e di orologeria unici perché nati grazie al tempo loro dedicato.

La storia della famiglia Soprana ripercorre la storia di tanti italiani: il bisnonno cerca e trova fortuna in Argentina, poi torna in patria e a Valdagno negli anni '40 fa crescere la sua attività. E' il nonno Adolfo che nel 1972 acquista la storica gioielleria Marangoni, che dal 1770 gestiva il negozio sotto le arcate della Basilica Palladiana, ed ora è Stefano Soprana, con i figli Matteo e Giovanni, ad aver creato la collezione "Serliana". La nuova collezione di gioielli in oro e argento è ispirata alla "Serliana", un dettaglio architettonico ripetutamente inserito da Andrea Palladio proprio sulle facciate della cinquecentesca Basilica. Non è il regalo perfetto per la morosa più bella di Vicenza e per tutte le sue ammiratrici?

DD


Ti potrebbero interessare anche...
Design
Design
Le nostre interviste prendono spesso spunto da viaggi virtuali: personaggi che scoviamo sul web, progetti di cui ci innamoriamo su Instagram e così via… Il post e l’intervista di oggi nascono da un viaggio vero che ha portato Luisa nella...
Lifestyle
Lifestyle
Sono davvero contenta di ospitare su DDmag la mia cara amica Lorenza, che a partire da oggi ci porterà a conoscere personaggi, artisti, artigiani del territorio e non solo. Lorenza, chi ci presenti oggi? Il personaggio di oggi è un viaggio...
Food
Food
Conosco piuttosto bene Venezia ma ogni volta che ci vado mi riserva sempre delle belle sorprese. L'ultima volta che ci sono stata non sono riuscita a resistere e mi sono fatta una passeggiata anche a Murano: è qui che ho...