EN
IT
Lifestyle
26 Marzo 2014
Banana Graffiti: arte effimera per un amore temporaneo.
Cosa rispondereste alla domanda: qual è la differenza tra una persona comune e un artista? Noi la soluzione l'abbiamo trovata davvero solo poco tempo fa quando su Instagram ci siamo imbattute in Marta Grossi e le sue Banana Graffiti: lei nella vita di tutti i giorni ci vive (come noi del resto), ma la differenza sta nella sua capacità di trasfigurare, con l'aiuto di pochi elementi semplici, ciò che vede quotidianamente in un'opera d'arte effimera e sorprendente. Un esempio: ad Honk Hong, dove lavora, i prezzi della frutta si scrivono direttamente nella buccia. Qualche disegno in più per sdrammatizzare la pausa pranzo tra colleghi e... voilà un successo internazionale che ci racconta in esclusiva su DDmag.


Come descriveresti ai nostri lettori Banana Graffiti?

Ogni banana è una semplice ed unica tela, ed ogni banana è differente. Questo è un progetto artistico aperto e fondato su un supporto economico, ordinario e organico. Ogni banana muta in base alla maturazione, dal verde acerbo a piccole macchie marroni, ogni piccola imperfezione la rende perfetta per la mia continua esplorazione. Personalizzo ogni banana durante la notte, e mangio la stessa banana per colazione il giorno dopo. Questo è uno spazio temporaneo per testimoniare che creatività, arte ed ispirazione possono celarsi ovunque. Tutte le immagine sono realizzate da me con il mio iPhone5, non vengono utilizzati altri programmi per fotoritocco o post-produzione. Banana Graffiti è arte effimera, la mia tela temporanea per un'amore temporaneo.


Qual è il commento più strano che qualcuno ha fatto delle tue Banane Graffiti?

Se mi dispiace mangiare le mie banane per colazione.


Il tuo frutto preferito…

Che domande? La banana! Segue il limone, che utilizzo praticamente ovunque.


Dove sei adesso e cosa vedi intorno a te?

Sono nella mia casa a Sheung Wan a Hong Kong, attorno a me il mio mac, una tazza di acqua tiepida, l'iPhone5 e una pila di magazine che ho portato a casa da Singapore, un fiore di lilium sbocciato e tre che si schiuderanno durante la notte. Il tutto sulle note di 
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Se fosse un colore il negozio Borgo a Thiene (VI) sarebbe un beige, un cipria, oppure un bianco naturale. Abiti su misura, cappelli, camiceria, lista nozze...Non mancano le collaborazioni con arredatori d'interni e la ricerca di prodotti, anche di nicchia, di...
Design
Design
"A Bormio un'hotel progettato da Antonio Citterio, come una sequenza di quattro edifici alti e stretti, vestiti sobriamente di larice grigio. A racchiudere spazi molto domestici". L'Eden Hotel, aperto da poco meno di un anno, è il risultato della fusione...
Design
Design
Artigianalità. Cura del dettaglio. Made In Italy.Questi i tre concetti cardine che la stilista Daria Siciliani de Cumis trasmette con le sue creazioni: preziosi cordonetti adornati da piccoli cristalli luminosissimi.Il progetto Dariapunto mi ha colpita per la sua semplicità: se avete...