EN
IT
Design
28 Aprile 2017
Damien Hirts, tra finzione e realtà
Il nostro contributor Andrea oggi ci porta alla scoperta di un artista eccentrico, ma senza dubbio estremamente interessante. Leggiamo insieme!

Damien Hirts invade le sale di Palazzo Grassi e di Punta della Dogana con una serie di ritrovamenti ad hoc.
Il progetto dell'artista inglese, maestro dell'insinuare il dubbio nei suoi spettatori, colpisce ancora mescolando finzione e realtà.
Treasures from the Wreck of the Unbelievable, a cura di Elena Geuna, espone una serie di oggetti ritrovati nel 2008 al largo della costa orientale dell'Africa, rimasti sul fondare marino per oltre duemila anni.
Questo è il punto da cui l'artista inizia a costruire il suo mondo, affiancando alle opere recuperare, vengono presentati una serie di scatti dei ritrovamenti e un video a documentare e a supporto del lavoro di recupero.
Dal fondale del mare l'artista ha riportato alla luce, oltre a statue, busti ed altri elementi classici una serie di oggetti insoliti come statue raffiguranti topolino, robot, amazzoni e altri personaggi contemporanei arricchiti da molluschi e alghe a causa della presunta giacenza sul fondo dell'oceano.
Hirts mescola realtà e finzione come più gli è congeniale, alterando la realtà attraverso la costruzione di quella da lui immaginata.

Dove potete trovare Andrea:

Instagram: @untitledv_com

untitledv@hotmail.it

www.untitledv.com
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Da Pablo Lobato al Settecento Veneziano ci sono molti secoli e molte opere di mezzo, ma non sono poi così lontani come si crede. Se la scorsa settimana ci avete seguito con il nostro consueto reportage del venerdì alla mostra...
Design
Design
Elisabetta del blog Dettagli Home Decor oggi ci porta nel nord Europa per sorprenderci ancora sulle bellezze dell’architettura nel mondo. Ne è un esempio un prestigioso studio di architettura danese che si è occupato della ristrutturazione di Vedbaek House, una...
Lifestyle
Lifestyle
Pensate al profumo che state indossando proprio ora o a quello che sta piano piano scomparendo dalla vostra pelle dopo una giornata di lavoro. Vi ricordate come vi siete incontrati? Come avete deciso che era proprio quello il vostro profumo...