EN
IT
Design
28 Aprile 2017
Damien Hirts, tra finzione e realtà
Il nostro contributor Andrea oggi ci porta alla scoperta di un artista eccentrico, ma senza dubbio estremamente interessante. Leggiamo insieme!

Damien Hirts invade le sale di Palazzo Grassi e di Punta della Dogana con una serie di ritrovamenti ad hoc.
Il progetto dell'artista inglese, maestro dell'insinuare il dubbio nei suoi spettatori, colpisce ancora mescolando finzione e realtà.
Treasures from the Wreck of the Unbelievable, a cura di Elena Geuna, espone una serie di oggetti ritrovati nel 2008 al largo della costa orientale dell'Africa, rimasti sul fondare marino per oltre duemila anni.
Questo è il punto da cui l'artista inizia a costruire il suo mondo, affiancando alle opere recuperare, vengono presentati una serie di scatti dei ritrovamenti e un video a documentare e a supporto del lavoro di recupero.
Dal fondale del mare l'artista ha riportato alla luce, oltre a statue, busti ed altri elementi classici una serie di oggetti insoliti come statue raffiguranti topolino, robot, amazzoni e altri personaggi contemporanei arricchiti da molluschi e alghe a causa della presunta giacenza sul fondo dell'oceano.
Hirts mescola realtà e finzione come più gli è congeniale, alterando la realtà attraverso la costruzione di quella da lui immaginata.

Dove potete trovare Andrea:

Instagram: @untitledv_com

untitledv@hotmail.it

www.untitledv.com
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Si scappa al freddo di New York City! Ebbene sì, oggi la rubrica della nostra contributor Francesca non ci parla di alte palme e di estati perenni, ma della settimana della moda più cool (e cold) di tutti i tempi. Si...
Lifestyle
Lifestyle
Vorrei farvi conoscere un posto meraviglioso che consiglio soprattutto alle coppie che si devono sposare. Sto parlando di Villa San Michele a Fiesole, un vecchio monastero diventato albergo. I suoi punti forti sono la facciata realizzata dal Michelangelo, la...
Lifestyle
Lifestyle
Quante definizioni e aforismi sullo stile conoscete? Noi ne abbiamo lette di ogni tipo, alcune famosissime e intramontabili, altre invece che non condividiamo, ma una cosa rimane certa: nella nostra rubrica del venerdì il nostro stile si percepisce eccome. Questo...