EN
IT
Food
08 Settembre 2017
Parlare delle Bolle di Nardini...come?
Parlare delle Bolle di Nardini... come?

Di un'opera di architettura contemporanea fantastica.
Ideata dall'architetto Massimiliano Fuksas per celebrare i 225 anni di una distilleria di acquavite, la più antica d'Italia.
Guardare questa struttura tutta vetro, acciaio e cemento, è uno spettacolo per gli occhi: entrarci, un'esperienza sensoriale. Due bolle ellissoidali in vetro trasparente che sembrano fluttuare sulla pozza d'acqua sottostante.
Al suo interno un laboratorio di ricerca e controllo qualità che certamente non manca ai prodotti della Nardini.
Un luogo futuristico che non finisce mai di stupire, una sala riunioni scavata nel terreno, come lo è l'auditorium, che ha ospitato convegni e spettacoli. Tutto domotica, dallo schermo alle poltroncine per scoprire all'esterno una scala discendente, usata anche come tribuna per gli spettacoli performativi che spesso hanno trovato spazio al suo interno.
Entrata quasi per caso, in questo luogo un po' alambicco un po' insetto gigante dalle lunghe zampe d'acciaio, mi sono sentita un po' Alice. I tagli sapienti nel cemento creavano, in una giornata di sole accecante, un gioco di luci ed ombre che mutavano ogni aspetto.
Un'architettura d'autore. Un'azienda leader che merita senz'altro una visita.
Un punto d'incontro tra natura, idee e forme.


Lorenza per Ddmag
Ti potrebbero interessare anche...
Lifestyle
Lifestyle
Maura ci fa sognare con un nuovo post dedicato a ciò che qui in DDmag amiamo di più: il viaggio.Essenza di Ylang ylang, aroma di cacao e caffè, fragranza di vaniglia… ecco perché il Madagascar è anche conosciuta come l’isola...
Lifestyle
Lifestyle
Avete visto la mostra Raffaello verso Picasso in Basilica Palladiana qui a Vicenza? La mia amica Luisa ci propone questa lettura a tema che non racconta le opere di Picasso, ma scrive di lui come uomo, attraverso le sue lettere, poesie,...
Kids
Kids
C’era una volta un bambino che non sopportava quel preciso momento della mattina, poco prima di andare a scuola, in cui la mamma dall’altra stanza diceva: “Hai messo i calzini?”. A lui non piaceva mettere qualcosa tra i piedi e...