EN
IT
Design
06 Aprile 2018
Joan Mirò: Materialità e Metamorfosi
Il nostro contributor Andrea oggi racconta su DDmag la mostra Jean Mirò: Materialità e Metamorfosi, a Palazzo Zararella (PD) fino al 22 luglio.

Joan Mirò: Materialità e Metamorfosi raccoglie ottantacinque tra quadri, disegni, sculture, collages e arazzi provenienti dalla straordinaria collezione di opere del maestro catalano di proprietà dello Stato portoghese, una retrspettica che offre una panoramica sui lavori sperimentali che hanno dato vita all'estetica e ai codici dell'artista.

La storia della collezione che era destinato a finire all'asta, per ripianare il debito dellíistituto, in extremis è stato salvato grazie ad un accordo tra lo Stato portoghese e la casa d'aste "Christie's" per revocare il contratto di vendita e mantenere la raccolta in Portogallo.

La ricerca artistica di Mirò viene presentata nel suo insieme attraverso lavori rappresentativi sparsi per sei decenni di produzione. Tra le opere esposte ci sono sei dipinti del 1936 assieme ad altrettanti arazzi del 1972 e '73, ed ancora una serie di cinque opere create per la grande retrospettiva di Mirò al Grand Palais di Parigi nel 1974.

Le 85 opere dell'artista catalano sono visibili a Palazzo Zararella fino al 22 luglio 2018.

Dove potete trovare Andrea:

Instagram: @untitledv_com

untitledv@hotmail.it

www.untitledv.com
Ti potrebbero interessare anche...
Design
Design
Amici e amiche, il post di oggi è dedicato a TABLECLOTHS, azienda italiana fondata da Massimiliano Parri che produce tovagliette all’americana e runner dal design unico. Mi hanno letteralmente conquistata e non potevo non parlarvene!Racconta TABLECLOTHS nel sito: "Sebbene alcuni nostri prodotti, come...
Lifestyle
Lifestyle
"Per fortuna esiste Internet" dico ogni tanto tra me e me... Tanti incontri non sarebbero altrimenti mai avvenuti, come ad esempio quello con Barbara Mogni, artista di gioielli e curatrice del blog 4Over, dedicato alle donne che come lei vogliono...
Lifestyle
Lifestyle
Prima di Scott Schuman e delle sue schiere di followers c’era Bill Cunningham, c’era la sua macchina fotografica, c’erano le sue gambe che spingevano sui pedali. Bill è un fotografo ottantenne che da sempre (si può dire) imprime su pellicola...